Tik Tok legge il tuo pensiero

Ascolta l'articolo

Il social media con la maggior crescita negli ultimi 2 anni sa leggere la tua mente. Come? Attverso il suo complesso algoritmo in grado di valutare quali sono i tuoi interessi e proporti contenuti video di immediata e semplice fruizione.

L’algoritmo di Tik Tok

Indiscrezioni hanno portato alla luce i criteri fondamentali dell’algoritmo di Tik Tok. Tali indiscrezioni sono state poi ufficialmente confermate, svelando i 4 punti fondamentali presi in considerazione:

  • Valore Utente Tik Tok
  • Valore Utente a lungo termine
  • Valore Creator
  • Valore della Piattaforma

L’algoritmo è in grado di assegnare dei valori ad ognuno di questi punti definendo, in questo modo, i contenuti che verranno mostrati nei “per te” per ogni utente e quelli che diventeranno virali.

I video, quindi, riceveranno un punteggio totale definito da like, commenti, tempo di riproduzione e tipo di interazione. Gli utenti in grado di produrre contenuti con visualizzazioni uniche in rapporto maggiore di 1 (cioè più visualizzazioni del video da parte di uno stesso utente) verranno privilegiati.

A cosa punta l’algoritmo di Tik Tok?

Chi pubblica con maggior frequenza ottiene maggior rilevanza. Questa è la chiave di volta di Tik Tok che punta ad avere il maggior numero di utenti quotidiani per sbaragliare la concorrenza di altri social media come Instagram e Facebook.

Per far questo si attiene ad altri 2 criteri:

  • Retention (ritorno dell’utente sulla piattaforma)
  • Tempo di permanenza (tempo dell’utente su Tik Tok)

TikTok Algo 101 e la dipendenza

Le informazioni pubblicate dal documento “TikTok Algo 101” aprono un capitolo interessante sulle priorità dei social network, rilanciando l’accusa di istigazione alla dipendenza già fatta ad Instagram per cui è stato bloccato il progetto Instagram Kids.

La priorità di Tik Tok, da quanto si evince, è quella di tenere incollati all’applicazione i propri utenti che, pur di ottenere il successo dei pochi virali in circolazione, passano il proprio tempo a visualizzare video e a inserire commenti e cuori, pur di migliorare le proprie statistiche.

Il machine learning degli algoritmi di Tik Tok, come per tutti i social media, fornisce seri dubbi sulla consapevolezza di utilizzo di queste piattaforme che molto spesso ingeriscono i loro utilizzatori scatenando delle vere e proprie dipendenze che potrebbero essere evitate attraverso un’educazione al loro utilizzo da parte di genitori (anche se molto spesso sono coinvolti in questa dipendenza) e istituzioni scolastiche. Per questo sia Instagram, con la guida ai genitori su Instagram in collaborazione con il telefono azzurro, che il CNR con il gaming didattico e “Nabbovaldo e il ricatto dal Cyberspazio” hanno avviato una procedura di educazione e formazione che punta a rendere positivo l’utilizzo delle nuove frontiere della comunicazione. Bisogna imparare a fare buon uso dei social network.

NON DIMENTICARE!
Iscriviti alla Newsletter
Potrai disiscriverti quando vuoi
Invalid email address

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

SocialWebBe - Michele Sfregolahttps://socialwebbe.it
Marketing e Musica sono pura energia per lo spirito. (Michele Sfregola)

Leggi gli articoli correlati

Ultimi Articoli