Didattica e Cybersecurity: Nabbovaldo e il gaming didattico

Ascolta l'articolo

La generazione Z si identifica con gli elementi digitali, ha una naturalezza acquisita con essi e ne comprende fino in fondo le potenzialità e i possibili sviluppi. La conoscenza approfondita di internet li porta a capire la tecnologia e cogliere opportunità in maniera naturale e semplice. I nativi digitali usufruiscono ogni giorno della tecnologia tramite app, social, videogame e dirette streaming, e non sempre solo per divertimento: usano internet anche per scoprire nuove cose, per informarsi, comprare e vivere esperienze.

Recenti ricerche portate avanti sul mercato italiano hanno evidenziato dati importanti:

  • Il 91% dei giovani sceglie o sceglierebbe a parità di compenso e mansioni un impiego smart e tecnologicamente avanzato.
  • 80% crede fermamente nel potere della tecnologia di creare un ambiente lavorativo, domestico e comunitario più inclusivo e diversificato.

Ma non solo i giovani sono attenti alle novità del momento come il Metaverso e le carriere nel digitale, proprio questa facilità d’uso alle volte può essere un pericolo. Una confidenza così naturale con la tecnologia privata dei giusti strumenti e guide può portare a conseguenze gravi come la perdita di dati personali, alcuni dei quali anche sensibili. Ed è per questo che bisogna prestare molta attenzione al tema della cybersecurity.

La cybersecurity e la protezione della privacy

Proprio la diffusione di internet all’interno della IoT (Internet delle cose), della dimestichezza delle nuove generazioni e dell’ampliamento della conoscenza di internet a quelle vecchie, genera ogni giorno una quantità impressionante di dati personali. Questi cluster di dati vengono raccolti, condivisi e utilizzati da diversi soggetti quali autorità pubbliche ed enti privati per diversi scopi, che sia tracciamento o marketing. 

L’enorme mole di dati ha generato non solo nuove professioni capaci di fare analisi dei big data, ma anche problemi relativi alla privacy e le conseguenti soluzioni atte a proteggere i dati sensibili. Ecco perché diventa davvero importante trasmettere a tutti l’importanza della sicurezza online, e in particolar modo ai più giovani, che con internet hanno un rapporto simbiotico. Per questo, ad esempio, Instagram ha rilasciato una guida per la formazione dei genitori sulla sicurezza informatica e la tutela della privacy dei propri figli.

L’importanza della cybersecurity e della protezione delle informazioni personali può essere trasmessa in diversi modi: uno dei più innovativi è quello della gamification, ovvero dell’utilizzo di giochi interattivi per rendere la didattica interessante ed efficace come non mai. 

I videogiochi come ausilio alla didattica

Sebbene negli occhi dei bambini l’ambiente di gioco e quello della scuola siano ben separati, con questo nuovo tipo di didattica inclusiva che utilizza i videogiochi e gli ambienti interattivi il confine si fa più indistinto. I game sono uno strumento molto potente per la didattica che permette di rendere le lezioni divertenti e di portare il tutto in un terreno di gioco favorevole a entrambi:

  • Gli insegnanti avranno metriche precise per stabilire l’apprendimento e i progressi di ogni singolo alunno
  • I giovani si muoveranno in un ambiente a loro conosciuto e in cui si trovano a proprio agio e hanno la libertà di esprimersi pienamente, senza restrizioni.

Inoltre, apprendere divertendosi è un metodo efficace sotto diversi punti di vista che andremo ad analizzare. 

I vantaggi dei videogiochi educativi

I videogiochi educativi oggi non sono più da considerare come una sorta distrazione, se ben sviluppati, i videogiochi possono diventare una vera e propria best practices che necessita di essere implementata sempre di più a scuola o nei laboratori didattici, e che mette in campo ciò che già da decenni si conosce: ovvero che la crescita di un giovane è favorita dal gioco. L’unica differenza è che con il cambio di generazione bisogna cambiare anche il paradigma e abbracciare il gaming.

Uno dei principali vantaggi di questo tipo di giochi è la sfida, il livello da completare. All’interno di un videogioco didattico per salire di punteggio, per andare oltre e finire il gioco lo studente dovrà apprendere delle nozioni e ciò che lo porterà a voler sapere e lo farà  in maniera intuitiva e veloce; soprattutto con  l’assenza di costrizioni e il divertimento di completare una sfida le ricerche dicono che ricorderà meglio e più a lungo ciò che ha imparato.

Esistono diverse branche del gaming educativo che possono insegnare e appassionare alla musica oppure portare avanti in maniera empatica e costruttiva insegnamenti di storia eppure quello che mancava, ancora oggi, era qualcosa che introducesse l’importante concetto di un uso consapevole della tecnologia, con il videogioco Nabbovaldo e il ricatto del Cyberspazio questo lato oscuro è stato colmato. Vediamo insieme come:

Attraverso Nabbovaldo si potrà puntare su di un gioco che premia il raggiungimento degli obiettivi di base dell’apprendimento, coinvolgendo i ragazzi all’interno di un mondo che ben conoscono e le cui dinamiche apprezzano.

L’apprendimento grazie ai videogiochi è una frontiera dell’educazione che da qualche anno sta ricevendo sempre più attenzione poiché permette di creare un’interazione empatica che renda piacevole imparare qualcosa per i giovani.

Non è un elemento che si sostituirà alla didattica frontale e all’insegnante ma uno strumento che può essere usato per molteplici scopi e fornire veri e propri appigli educativi laddove ve ne è bisogno, sarà possibile con i videogiochi educativi raggiungere un livello di apprendimento nuovo, più smart e multidirezionale capace di integrare diverse materie e di dare un nuovo approccio multidisciplinare alla didattica.

Un progetto interessante: Nabbovaldo e il ricatto del Cyberspazio

Nabbovaldo e il ricatto del Cyberspazio è il serious game pensato per un target di giovani adolescenti; il videogame nasce con uno specifico obiettivo: quello di sensibilizzare i giovani utenti della rete su quelle che sono le questioni primarie riguardanti la privacy e la sicurezza informatica. Di seguito il teaser del gioco:

Questo è un obiettivo molto ambizioso ma allo stesso tempo necessario poiché sono i nativi digitali quelli più propensi ad utilizzare app, videogiochi e siti e proprio per questo devono conoscere il modo più efficace per tutelare i propri diritti riguardo le informazioni digitali e il rispetto della privacy. Proprio con il gioco digitale sarà possibile comporre un ponte tra i giovani dagli 11 e i 13 anni e la didattica, sviluppando tecniche basate sul divertimento e il gioco.

Nabbovaldo e il ricatto del cyberspazio è pensato per essere utilizzato in maniera singola da bambini e ragazzi sia in aula che nel corso di lezioni e laboratori dedicati. Il videogame, infatti, attraverso quelle che sono le modalità tipiche dei gioco digitale, si pone come obiettivo l’insegnamento, e lo fa in un modo inconsueto e divertente, del corretto comportamento da tenere in rete.

Tra gli insegnamenti che è in grado di trasmettere vi è la conoscenza: 

  • Dei termini informatici e del loro contesto
  • Delle nozioni di base di navigazione online sicura
  • Dei comportamenti corretti da tenere sul web (netiquette).

Inoltre, permette attraverso la sezione dedicata chiamata Nabbopedia di conoscere le definizioni di termini come: adWare, Firewall, Trojan, Antivirus, Troll, Spyware e molto altro ancora. 

Attraverso il raggiungimento degli obiettivi, la sfida personale e il divertimento, l’App permette di apprendere in maniera semplice e immediata, poiché a fine lezione viene generato un punteggio finale che mette in luce l’effettiva conoscenza del videogiocatore sui pericoli del web con particolare enfasi sul file sharing, sui virus, le truffe online e i social network ovvero tutti quegli ambienti frequentati principalmente dai giovani e giovanissimi stabilendo la base per una consapevolezza maggiore. 

Chi ha sviluppato il videogioco?

Entrando all’interno di questo progetto molto interessante, vediamo chi vi è dietro le quinte. Si tratta di un’iniziativa della Ludoteca del Registro.it, un progetto nato in seno all’Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa e in collaborazione con il CNR.

È stato sviluppato in collaborazione con Symmaceo e Grifo Media ed è scaricabile come app sia su IOS che Android; è prevista anche una versione desktop per MacOs e Windows per integrare l’utilizzo in classe sia per studenti che per insegnanti. 

In questo modo questo serious game potrà essere utilizzato in entrambi i modi così da divenire uno svago e insieme un modo per mettere alla prova sé stessi imparando di più sulle possibili minacce di internet.

La presentazione di Nabbovaldo e il ricatto del cyberspazio

Il videogioco creato in collaborazione con il CNR e l’Istituto di Informatica di Pisa è stato presentato a Roma in occasione dell’evento RomeVideoGameLab 2021, di seguito è possibile vedere una cronaca della presentazione ad opera di Giorgia Bassi e Beatrice Lami:

In questa occasione è stata spiegata anche la trama che è possibile vedere anche nel trailer d’esordio: il protagonista del videogioco Nabbovaldo è un giovane di Internetopoli ed è appassionato dell’online ma poco consapevole dei suoi rischi.

Durante il gioco dovrà affrontare un ramsonware, un virus malware, che tiene in scacco la città. Con una grande avventura e minigiochi bisognerà indagare e scoprire come eliminare il virus per salvare la città.

Conclusione

Adesso che conosci anche tu le potenzialità di quelli che sono i serious game, i videogiochi dedicati all’apprendimento cosa farai? 

Nabbovaldo è un videogame innovativo che punta ad avvicinare i giovani all’istruzione e alla competenza necessaria per utilizzare l’interno mondo del web in sicurezza e non a respingerli con metodiche che non riescono più a fare breccia. Il settore del gamification non si ferma solo all’apprendimento scolastico ma è implementato anche all’interno di società e aziende ben strutturate per fornire a dipendenti e formatori un progetto smart e innovativo.

Intervista alla Ricercatrice del CNR

Leggi l’intervista alla ricercatrice del CNR con le risposte alle domande delle insegnanti che hanno visionato il gioco didattico di Nabbovaldo.

Per maggiori informazioni

NON DIMENTICARE!
Iscriviti alla Newsletter
Potrai disiscriverti quando vuoi
Invalid email address

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

SocialWebBe - Michele Sfregolahttps://socialwebbe.it
Marketing e Musica sono pura energia per lo spirito. (Michele Sfregola)

Leggi gli articoli correlati

Ultimi Articoli